DRONE: LE ORIGINI DI UNA PAROLA


DRONE: LE ORIGINI DI UNA PAROLA

DJI_Phantom_2_Vision+_V3_hovering_over_Weissfluhjoch_(cropped)Se apriamo un qualsiasi dizionario alla parola drone, troviamo diverse definizioni che possono aiutarci a determinare la provenienza e la storia di questo termine, oggi divenuto così comune.

La prima definizione è naturalmente quella di: aeromobili caratterizzati dalla mancanza di un equipaggio a bordo, gestiti in remoto da piloti a terra. La seconda descrive sempre un piccolo velivolo radiocomandato, che viene impiegato come bersaglio in esercitazioni militari. Infine l’etimologia, cioè lo studio della storia di una parola, associa il termine drone alla parola fuco.

In inglese drone è il nome del fuco, cioè il maschio dell’ape e il ronzio del drone in volo può essere paragonato a quello dell’insetto. Questo è un primo importante elemento, che può avere condotto il termine fuco ad assumere un ulteriore significato, quello di aeromobile.

Inoltre la parola inglese drone indica anche un fisso e continuo rumore di motore, ulteriore legame col ronzio caratteristico del fuco, ma anche dei velivoli.

Nelle seconda definizione si parla di droni come bersaglio per le esercitazioni militari, così venivano impiegati nei primi anni di utilizzo, in maniera totalmente passiva. E passivo è anche il comportamento in natura del fuco, ecco un altro elemento che unisce la storia dell’evoluzione dei droni con il temine fuco.

L’origine della parola drone è quindi da ricercare in questi scambi di significato, che hanno portato il termine inglese drone a identificarsi in una classe di macchine volanti, contribuendo a renderle popolari.

 

Write a Comment